Backup o … Blackout

by Paola Cortazzo

Giusto per dire, come sempre, le cose come stanno Giusto perché amo la coerenza con cui mi sono sempre descritta Giusto perché la verità vince e paga sempre

E soprattutto per mantenere fede ad una promessa che ho fatto a me stessa e a voi un mercoledì pomeriggio di qualche anno fa ...

Anche oggi torno qui da voi e con voi per raccontarvi una di quelle giornate no, che cerco in tutti i modi di usare comunque e rendere utile.

Per raccontare questa storia bisogna fare un piccolissimo passetto indietro …

Torniamo al primo di Marzo, il primo giorno del mese che ci porterà in Primavera .. che poi è la mia stagione preferita. Anche le mie primule lo sanno e sono già rifiorite e c’è un sole bellissimo.

Ci arrivo, al primo di Marzo, dopo un anno in cui (come tutti) ho dovuto attendere, rimandare, rinunciare. Costantemente e stancamente.

Ci arrivo dopo un mese (il mio mese) in cui mi sento troppo stanca e decido di rallentare drasticamente tutti i miei ritmi, rallentando così tanto che alla fine mi sono ritrovata completamente ferma … come un treno fermo in stazione con le porte chiuse e il motore spento.

Mentre me ne stavo lì ferma a cercare un silenzio che posso solo immaginare, e mi chiedevo: “Ma le porte di questo treno si apriranno (per farmi salire) o rimarranno chiuse (e questo treno partirà lasciandomi qui)?” “Questo treno ripartirà a breve??? Mi fa un effetto strano vederlo qui fermo e silenzioso …”
Mi dicevo anche: “Sei stata brava. Avevi un bisogno, ne hai preso atto e lo hai ascoltato”.
Me lo dico mentre un medico cerca di aiutarmi a risolvere i problemi che il mio torcicollo mi sta creando da qualche tempo, in un momento in cui sento davvero il silenzio.

Forse potrebbe sembrare che quel rallentare non porta lontano, e non essendo abituata a “non fare” (forse anche troppo) mi è sembrato quasi di guardare la mia vita dall’alto.. come se io fossi la spettatrice di me stessa, e un po’ probabilmente è stato così, ma … scegliere di non fare, è comunque fare qualcosa.

Mi sono voluta bene. Mi sono ascoltata. Mi sono coccolata. E non mi sono preoccupata di nient'altro.

Non è stato tempo perso, ma tempo di calma di cui avevo bisogno.
Potremmo chiamarlo “il tempo dondolante” e immaginarlo come un’altalena che non smette di muoversi anche se … non va da nessuna parte, ma che comunque svolge il suo compito.

E ancora una volta ci vedo un’opportunità e viene fuori mentre sono qui seduta davanti al mio pc avendo la sensazione di essere seduta a parlare con ognuno di voi.

Non ho paura di raccontarvi che nonostante abbia accarezzato la mia fragilità, per finire col toccarla con tutte e due le mani (e anche tutto il resto), la mia tenacia mi porta a pensare che ora mi sento capace di riprendere la mia corsa molto più velocemente.

Probabilmente sono andata in Blackout pensando di fare un Backup.

Ma qualche volta succede che per poter fare ordine, ci sia bisogno di svuotare completamente e creare nuovi spazi per rimettere ogni cosa al proprio posto.


E quindi torniamo al primo di Marzo, giorno in cui inizia un nuovo mese.
Lo inizio con l’intenzione di ricominciare, senza voler azzerare niente, ma con tutta la volontà di portarmi dietro tutto: sbagli, cadute, ferite (anche quelle che ancora sanguinano) e tutto quello che mi è rimasto addosso nonostante io fossi completamente ferma, tutto quel bello che mi è rimasto attaccato anche se io non stavo facendo niente per trattenerlo. Questo è quello che credo si faccia quando senti che c’è troppo caos dentro e intorno a te.

Ora che questa cosa l’ho fatta con me, e dentro di me, sono pronta (nel posto giusto e nel mese giusto ) per poterlo fare anche con l’ambiente in cui vivo. E soprattutto con voi.

Mi auguro siate pronti perché ho dei suggerimenti molto utili e adatti a:

  • Mettere tutto a posto
  • Fare le (vere) pulizie di Primavera.
  • Suddividersi i compiti in maniera equa ed efficace (con amore per le mamme che come me credono di non essere le sole responsabili della cura e della pulizia della propria casa).

Vi do appuntamento alla prossima settimana con il primo degli argomenti che vi ho anticipato oggi.

P.S. Se tra i tre ne trovate uno di maggior interesse o uno da cui vorreste iniziare, non esitate a scrivermi e inizieremo da lì.
Inizieremo insieme e ogni cosa sarà al suo posto, pulita e utilizzando solo la giusta quantità di fatica. 

Ve lo prometto !!!

Vi abbraccio

Paola ♥

 

Potrebbe interessarti anche:

Leave a Comment

×

Ciao, sono Paola. Come posso aiutarti ...

× Come posso aiutarti?